Struttura di WordPress

La struttura di WordPress è composta da due funzioni dei temi dette anche macro-funzioni:

1. La prima funzione genera il layout e la componente grafica del sito quindi compone la struttura di WordPress.

2. La seconda macro-funzione invece aggiunge funzionalità al core di WordPress con funzioni e tutto quello che viene considerato dinamico.

Un tema perfetto deve essere generico da poter essere utilizzato per finalità differenti ma dovrebbe avere anche alcune funzionalità uniche per poterlo distinguere tra le miriadi di temi che ci sono online.

Il file system di WordPress

WordPress quando si scarica è in formato zip e nel suo interno ci sono file di valenza globale (come il file di configurazione wp-config.php) e tre sotto-directory wp-admin, wp-content e wp-include.

Struttura di WordPress

wp-admin contiene i file che formano il pannello di amministrazione.

wp-content racchiude i temi, i plugin, i file di lingua e gli allegati (detti media nel pannello di amministrazione di WordPress) dei contenuti del sito.

wp-includes contiene gli script che aggiungono funzionalità all’installazione sia dal lato amministrazione che dal lato visivo (front-end).



I temi sono in una sotto-directory e cioè qui /wp-content/themes e quindi installare un tema significa inserirlo in questa cartella.

Una volta installato un tema si potrà visionare nella pagina “Gestione temi” che si trova nel menù Aspetto.

Temi di WordPress

I file necessari per comporre la struttura di WordPress e perché un tema funzioni sono:

style.css che è sia un foglio di stile ma anche il file in cui vengono memorizzati i metadati necessari al funzionamento del tema.

index.php per chi conosce internet sa benissimo che è la pagina di default che un server riconosce come principale e che quindi è quella che viene visualizzata per prima in un sito.

Vi domandere ma perché non default.php?

Semplice WordPress è impostato perché questa pagina si chiami index quindi se non seguite queste istruzioni il programma genererà sicuramente un errore.



Quindi il file index.php è impostato così:

1. Intestazione (header.php)

2. Contenuti

3. Sidebar (sidebar.php)

4. Fondo pagina (footer.php)

Il file index.php viene caricato ogni qual volta non esista un template più specifico per il tipo di pagina richiesta.

Oltre a questi due file un tema è composto anche dai file single.php, per i singoli articoli, archive.php, per le pagine di archivio, page.php, per le pagine statiche, e così via.

Se qualcuno di questi manca, come abbiamo già spiegato sopra, verrà caricata la pagina index.php.

WordPress permette anche di creare delle pagine personalizzate che dovranno essere sempre inserite all’interno della cartella del tema.

Questo è tutto! Il mio consiglio è di creare sempre temi utili sia per se stessi ma anche per gli altri!

Se il vostro obiettivo finale è quello di distribuirli online gratuitamente o a pagamento e quindi diventare fonte di guadagno.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: